Colli al Metauro,

26 Novembre 2022

amoR

La limited edition di Bayria dedicata al genio di Pier Paolo Pasolini

Pasolini arrivò a Bari sei anni dopo la fine della guerra, alla ricerca «di un luogo fermo nel tempo» che si adattasse ad alcune riprese cinematografiche. Se ne innamorò e le dedicò un racconto breve.

Che freschezza, la mattina a Bari! Alzato il sipario del buio, la città compare in tutta la sua felicità adriatica.

Senti il mare, il mare, in fondo agli incroci perpendicolari delle strade di questa Torino adolescente: un mare generoso, un dono, non sai se di bellezza o di ricchezza. Davanti al lungomare (splendido), sotto l’orizzonte purissimo, una folla di piccole barche piene di ragazzi (...) Nelle grandi strade, che sembrano boulevards o avenidas, senti sospesa l’euforia del progresso di questa città che in pochi anni, rotti i legami che imprigionavano i pugliesi non tutti meridionali a un difficoltoso complesso, ha raggiunto il livello delle città del Nord meno vocate al silenzio. E l’allegria dei baresi è seria, sicura e salubre (...). Qui tutto è chiaro: anche la città vecchia, dalla chiesa di San Nicola al castello svevo, pare perennemente pulita e purificata, se non sempre dall’acqua, dalla luce stupenda

Con queste parole, Pier Paolo Pasolini descriveva il capoluogo pugliese nel racconto breve "Le due Bari ", scritto nel '51. L’allora 29enne artista narrava con dovizia e poesia il doppio carattere e le peculiarità della città in cui fu ospite 65 anni fa, regalandole impressioni, suggestioni e versi.

Nonostante le ferite della guerra, il poeta fu attratto dal dinamismo dei baresi, dalla luce e dai colori di Bari vecchia, di Bayria appunto.

Bayria e Bari sono legate a doppio filo- il brand si chiama come la città di Bari nell’antichità. Una città soprannominata “la porta d’oriente”, in cui lo stile liberty si mescola a influenze orientali, interrotte da tocchi barocchi insieme a uno stile cosmopolita e underground. Le stesse caratteristiche che hanno così affascinato Pasolini da indurlo a dedicarle un racconto e invaghirsene. Egli aveva ben intuito la doppia anima di Bari, l’avanguardia e la tradizione, l’eleganza e la spregiudicatezza, la stessa dualità che Bayria riporta nell’eyewear.

Al maestro che ha descritto con tanto amore l’anima della città, il brand ha dedicato amoR- una limited edition prodotta in soli 100 pezzi numerati che desidera ancorare al lungomare da lui tanto amato, PierPaoloPasolini. Il design della montatura è ispirato proprio agli occhi dell’artista- incavati e sognanti.  Una montatura total black, semi ovale ma caratterizzata da una forma completamente inedita: un ciliare che sembra essere socchiuso, omaggio agli occhi malinconici del poeta, ma sovrastata da una visiera color bottiglia sempre annessa al frontale, che simboleggia lo sguardo aperto, volto al futuro e privo di costrizioni di Pasolini.

La visiera e la lente sono dello stesso verde della faccia di Totò in "Uccellacci e Uccellini", del verde che ricorre nei paesaggi di "Teorema", verde come la copertina de "il mio calcio". amoR però è un occhiale tutt’altro che malinconico, bensì giocoso, particolare, sfidante, accattivante. Una montatura allegra- L’allegria dei baresi è seria, sicura e salubre (…) Qui tutto è chiaro».

«I baresi si divertono a vivere: ci si impegnano col cuore leggero, e col cuore leggero vanno discutendo di affari per le strade, prendono il caffè, si recano al lavoro, senza avere nemmeno il sospetto che questo non rappresenti una piacevole avventura. C’è aria di festa. Nelle grandi strade, che sembrano boulevards o avenidas, senti sospesa l’euforia del progresso di questa città (...)».

amoR, anagramma di Roma, città altrettanto cara a Pasolini, è distribuito in un astuccio che riproduce la forma degli occhiali, nero con pattina centrale verde, ispirato alla forma degli antichi portaforbici del dopoguerra.

ufficio stampa:

Bayria eyewear

© meme S.r.l.
Via Flaminia, 212
61036 Calcinelli di Colli al Metauro (PU)
T. +390721892434
PI: IT02306670411